Ti trovi quiEcologia / Inquinamento

Inquinamento


Golfo del Messico: allarme mutamenti climatici, l'acqua analizzata esplode

L'acqua che esplodeMentre l'ISAC (Institute of Atmospheric Sciences and Climate), che fa parte del prestigioso Consiglio Nazionale delle Ricerche, lancia l'allarme per il rischio di un mutamento climatico globale a causa della fuoriuscita del petrolio nel Golfo del Messico (leggi qui il pdf), il canale televisivo statunitense 'News 5' ha svolto un'inchiesta sullo stato di contaminazione dei litorali in prossimità del Golfo del Messico. I promotori di questa indagine hanno raccolti campioni dalle spiagge del litorale in aree frequentate da bagnanti, dove i bambini giocano con la sabbia e nuotano.

L'energia nucleare è la più importante fonte di energia pulita. Lo sostiene Obama

Obama Berlusconi Medvedev

Ma Vi rendete conto? L'energia nucleare sarebbe un toccasana per il pianeta in quanto, secondo Obama e i suoi amici, sarebbe una energia pulita... PULITA??? E LE SCORIE??? A Voi le conclusioni dopo aver letto questo articolo della gentile collega Simona Falasca risalente allo scorso mese di febbraio, ma sempre attuale.

I mutamenti climatici e i consumi fuori controllo determineranno l'estinzione dell'umanità, che avverrà entro 100 anni

Mutamenti climaticiIl dottor Frank Fenner, docente di microbiologia dell'Australian National University, è drastico: «entro 100 anni l'umanità si estinguerà». L'inizio di questa catastrofe – sostiene Fenner – sarà causata dai mutamenti climatici e soprattutto dall'esponenziale aumento demografico con il conseguente aumento, sfrenato e senza controllo, dei consumi.

Un pescatore del Golfo testimonia la drammatica situazione in Louisiana del sud

Clint GuidryClint Guidry è un pescatore di gamberetti (“shrimper”) di Lafitte, Louisiana. Mentre siamo insieme al tavolo, mi mostra una foto della sua casa con 18 inches (1 inches= 2,54 cm.) di acqua come risultato dell’uragano Ike del 2008.

Con la sua voce profonda, mi guarda negli occhi e mi dice: “La mia paura è che la situazione si ripeta, ma con il petrolio sopra l’acqua.”

Sembra che la BP abbia fermato la fuoriuscita del petrolio

Marea nera nel Golfo del Messico“È la prima volta che la fuoriuscita di greggio si è fermata, da quando è esplosa la piattaforma Deepwater Horizon il 20 aprile scorso.

Il pozzo è stato sigillato con un “tappo” parte di un test per valutarne l’integrità, che potrebbe durare 48 ore.

L'esplosione della piattaforma Deepwater Horizon risale davvero al 20 aprile 2010?

Oil spillLa falla petrolifera da cui si spilla la marea nera nel Golfo del Messico risale davvero al 20 aprile 2010? È veramente da allora, dal giorno in cui una grande esplosione ha danneggiato la piattaforma semisommergibile Deepwater Horizon, che tutto è cominciato? Di certo, l’enormità del disastro ecologico si traduce - ogni giorno da quel giorno - in tanti nuovi dollari da far sborsare alla BP (British Petroleum). Chi possiede quelle azioni perciò le vende, perché nel firmamento del rating oggi hanno meno stelle di ieri, e domani ne avranno ancora meno di oggi.

Golfo del Messico: strani intrallazzi del Vaticano, BP e Goldman Sachs

Deepwater HorizonIl quasi totale blackout dell’informazione indipendente, e l’arresto di chiunque venisse sorpreso a fotografare o filmare la devastazione, mostra come la crisi petrolifera della Halliburton- British Petroleum (BP) sia criminalmente controllata, implicando alcuni tra i nomi più importanti di Wall Street.

L'inquinamento da traffico scatena allergie nei soggetti sensibili

Inquinamento da trafficoBasta una breve esposizione alle polveri ultrasottili generate dal traffico di un'autostrada per scatenare una reazione allergica nei soggetti sensibili. Lo afferma uno studio condotto a Los Angeles e pubblicato dalla rivista American Journal of Physiology Lung Cellular and Molecular Physiology.

I ricercatori dell'Università della California hanno utilizzato delle cavie per monitorare gli effetti sui polmoni delle polveri più sottili di 180 nanometri (più piccole anche delle PM 2,5, che sono 2.500 nanometri).

Golfo del Messico: pronta l'evacuazione di 40 milioni di persone in campi FEMA

L'esercito americano si prepara a evacuare 40 milioni di persone situate nella regione della marea nera del Golfo, secondo le fonti, con il pretesto di tossicità.

40 milioni di persone non potevano che essere ospitati nei famosi campi FEMA, costruiti intorno al paese e simili a campi di concentramento o prigioni, dotate di un proprio sito di inceneritori.

Raccapriccianti retroscena dal Golfo del Messico ed altri avvenimenti...

Golfo del MessicoÈ proprio vero che la realtà supera le più sfrenate fantasie, come pure che sembra non esserci limite all'incompetenza, al cattivo gusto e al totale disinteresse dei personaggi, protagonisti e comprimari, direttamente o indirettamente coinvolti nella più grave catastrofe ambientale che la storia planetaria ricordi.

Tony Hayward, l'amministratore delegato della BP da 1 milione di sterline l'anno, ha pensato bene di andarsi a riposare dalle faticose tribolazioni del Golfo del Messico partecipando sulla barca di 16 metri della quale è co-proprietario (e del valore di 470.000 sterline) ad una prestigiosa regata nelle azzurre acque di Solent, presso l'isola di Wight.

I rettili endemici di Santa Lucia sono sull'orlo dell'estinzione

Saint LuiciaLo rivela Greenreport, citando lo studio “National Forest Demarcation and Bio-Physical Resource Inventory Project” sui rettili del piccolo stato insulare caraibico di Santa Lucia (Saint Luicia).

Secondo lo studio, le specie endemiche si stanno avvicinando rapidamente all'estinzione e la scomparsa di questi rettili dall'isola sarà inevitabile se non verranno al più presto prese misure per conservare la biodiversità unica delle foreste di Santa Lucia.

Nelle acque del Golfo del Messico alta quantità di metano

Petrolio nel Golfo del MessicoGli scienziati USA hanno detto martedì (22.06.2010) che in alcune regioni vicino alla falla di fuoriuscita del petrolio nel Golfo del Messico (Gulf of Mexico), sono stati trovati valori un milione di volte superiori al livello normale di gas metano; abbastanza per ridurre potenzialmente l’ossigeno e creare una zona morta.

La situazione del Golfo del Messico si aggrava e in Louisiana comincia a piovere petrolio

Marea nera nel Golfo del MessicoSi aggrava sempre di più la situazione del Golfo del Messico. L'ammiraglio Thad Allen, coordinatore delle operazioni, ha spiegato che in seguito ad una collisione di un robot sottomarino, con conseguente fuga di gas, i tecnici hanno dovuto rimuovere il "coperchio" che conteneva la fuoriuscita di petrolio, liberando di nuovo la falla che sparge greggio in mare.

Golfo del Messico: scenario degno dei nostri peggiori incubi

Petrolio Golfo del MessicoLa preziosa testimonianza del coraggioso giornalista e documentarista James Fox dalla Lousiana tratteggia uno scenario degno dei nostri peggiori incubi: è in corso una vasta operazione, apparentemente (e illegalmente, aggiungerei) gestita dalla stessa BP insieme, pare, alla Chevron, attorno alla quale è stata stesa una cortina di protezione quasi impenetrabile.

La BP DICE NO all'aiuto di CAMERON per la fuoriuscita di petrolio

ommergibile oilb spillIl regista americano James Cameron ha suggerito alla BP che il minisottomarino Mir poteva aiutare a mettere le briglia alla fuoriuscita di petrolio nel Golfo del Messico, ma il Maggiore petrolifero ha rifiutato l'idea. Cosi ha detto un ricercatore senior russo giovedì scorso.

Anatoly Sagalevich dell'Istituto Russo Shirshov di Oceanologia (Shirshov Institute of Oceanology), proprietario del sommergibile MIR, ha detto di aver discusso con Cameron come il mini sottomarino avrebbe potuto essere di aiuto, ma le autorità della British Petroleum (BP) hanno fermamente respinto la proposta.

 

È vietato l'impiego a scopo medico delle informazioni di carattere terapeutico e/o nutrizionale pubblicate senza il preventivo consiglio e/o supporto di un medico (anche naturopata e/o nutrizionista) legalmente autorizzato. Se previsto nella nazione in cui risiedi, esso costituisce reato, del quale l'utente − avendo agito in contrasto con le condizioni di utilizzo del quotidiano ECplanet − risponde a titolo esclusivo.

Per evitare inutili perdite di tempo, tutte le richieste di informazioni devono essere spedite non alla redazione di ECplanet bensì alle rispettive fonti citata in fondo ad ogni articolo.

| Torna su | Home | Archivio | Economia | In primo piano | Meteo | Contattaci | Posta |