Ti trovi quiEcologia / Inquinamento

Inquinamento


Tutto il mondo getta i propri rifiuti in Cina

Lian JiaoLian Jiao, cittadina nei pressi della metropoli di Guangzhou (Canton), è la discarica del mondo. Qui arrivano i rifiuti di Stati Uniti, Europa e molte altre nazioni per essere riciclati.

Ogni giorno tonnellate di scarti di supermercati e di manifatture del ricco mondo occidentale arrivano nella città, dove gli operai – soprattutto coppie di coniugi aiutate dai giovani figli – scavano con le mani tra pile di rifiuti. Gli involucri di plastica sono destinati a una vicina fabbrica, che ne ricava sostanze chimiche e versa ruscelli di coloranti e altri scarti in un inquinato fiume che poi si getta nel Pearl River.

Il 40% dei residenti nel Golfo del Messico soffre di problemi respiratori e di lesioni cutanee

Lesione cutaneeLa Columbia University ha divulgato un'indagine sullo stato di salute dei residenti nelle aree marine che si affacciano sul mare del Golfo del Messico esposti, a causa della BP, al petrolio, al metano e ai solventi chimici. Dall'indagine è emerso che il 40% di tutti i residenti sono stati colpiti da una vasta gamma di problemi di salute, in prevalenza disturbi respiratori e lesioni alla pelle. 

Dallo studio della Columbia University è emerso che:

Il Goveno Usa dice che nel golfo non c'è più petrolio ma viene totalmente smentito dalle immagini satellitari

Foto satellitare del Golfo del MessicoAlcuni giorni fa sia il governo federale degli Stati Uniti, sia i media statunitensi hanno fatto sapere ai propri cittadini e al mondo intero che la marea nera nel Golfo del Messico era scomparsa. Stando alle loro teorie i batteri marini si sarebbero mangiati tutto il petrolio del Golfo. Ma è davvero cosi? Perché in realtà le foto satellitari smentisco totalmente queste teorie.

La speculazione spinge i prezzi del grano in salita minando la sicurezza alimentare

Incendi in RussiaLo stop alle esportazioni di grano deciso dalla Russia a causa della siccità e agli incendi che hanno devastato le coltivazioni e messo in ginocchio il Paese, a giudizio della Fao, rappresenta un minaccia per le Nazioni più povere. L’economista Abdolreza Abbassian, esperto del mercato del grano della Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura, ha affermato che la decisione di Putin interrompe il commercio e crea instabilità nel mercato.

La situazione della biodiversità nel Mediterraneo è drammatica

Mar MediterraneoLo studio “The Biodiversity of the Mediterranean Sea: estimates, patterns, and threats”, coordinato dal Consejo superior de investigaciones scientíficas della Spagna (Csic), che fa parte del progetto Census of marine life, lancia un preoccupatissimo allarme sulla situazione della biodiversità nel Mediterraneo: «Il sovra sfruttamento, la perdita di habitat, l'inquinamento, l'arrivo di specie invasive o l'aumento della temperatura dovuto al cambiamento climatico sono alcune delle minacce che fanno si che la biodiversità del Mar Mediterraneo sia fortemente minacciata».

Golfo del Messico: i danni al turismo ammonterebbero a 23 mld di dollari e c'è pure chi tenta truffe tramite mail

Marea neraSi stima che i danni al turismo, causati dalla fuoriuscita del petrolio, potrebbero ammontare a 23 miliardi di dollari.

Secondo alcuni analisti, dell'Associazione Viaggi Usa e dell'Oxford Economics, gli effetti del disastro, sempre che si riesca a bloccare totalmente la fuoriuscita del petrolio, potrebbero durare oltre 3 anni.

Con sei domande e sei risposte si spiega cosa sta realmente accadendo nel Golfo del Messico

Spiagge contaminate da petrolioOggi diffondiamo “Orizzonte nero” (pdf), un documento che spiega con sei domande e sei risposte cosa sta realmente accadendo in Louisiana, dopo l'esplosione della piattaforma Deepwater Horizon. Occorre fare chiarezza sulle molte falsità che in questi giorni vengono diffuse.

L'esmog riduce le difese dai radicali liberi

EsmogUN'EPIDEMIA DI CANCRO?, RISULTA DAL RAPPORTO IARC DEL 2008

GLI AGENTI AMBIENTALI TOSSICI E CANCEROGENI NON HANNO SOLO EFFETTI SULLA POPOLAZIONE ESPOSTA, INDUCONO VIA MATERNA, DI GENERAZIONE IN GENERAZIONE, UN DECADIMENTO PROGRESSIVO DELLE CAPACITÀ DEL NOSTRO GENOMA DI PROTEGGERSI DAGLI STIMOLI NOCIVI PROVENIENTI DALL'AMBIENTE.

Golfo del Messico: allarme mutamenti climatici, l'acqua analizzata esplode

L'acqua che esplodeMentre l'ISAC (Institute of Atmospheric Sciences and Climate), che fa parte del prestigioso Consiglio Nazionale delle Ricerche, lancia l'allarme per il rischio di un mutamento climatico globale a causa della fuoriuscita del petrolio nel Golfo del Messico (leggi qui il pdf), il canale televisivo statunitense 'News 5' ha svolto un'inchiesta sullo stato di contaminazione dei litorali in prossimità del Golfo del Messico. I promotori di questa indagine hanno raccolti campioni dalle spiagge del litorale in aree frequentate da bagnanti, dove i bambini giocano con la sabbia e nuotano.

L'energia nucleare è la più importante fonte di energia pulita. Lo sostiene Obama

Obama Berlusconi Medvedev

Ma Vi rendete conto? L'energia nucleare sarebbe un toccasana per il pianeta in quanto, secondo Obama e i suoi amici, sarebbe una energia pulita... PULITA??? E LE SCORIE??? A Voi le conclusioni dopo aver letto questo articolo della gentile collega Simona Falasca risalente allo scorso mese di febbraio, ma sempre attuale.

I mutamenti climatici e i consumi fuori controllo determineranno l'estinzione dell'umanità, che avverrà entro 100 anni

Mutamenti climaticiIl dottor Frank Fenner, docente di microbiologia dell'Australian National University, è drastico: «entro 100 anni l'umanità si estinguerà». L'inizio di questa catastrofe – sostiene Fenner – sarà causata dai mutamenti climatici e soprattutto dall'esponenziale aumento demografico con il conseguente aumento, sfrenato e senza controllo, dei consumi.

Un pescatore del Golfo testimonia la drammatica situazione in Louisiana del sud

Clint GuidryClint Guidry è un pescatore di gamberetti (“shrimper”) di Lafitte, Louisiana. Mentre siamo insieme al tavolo, mi mostra una foto della sua casa con 18 inches (1 inches= 2,54 cm.) di acqua come risultato dell’uragano Ike del 2008.

Con la sua voce profonda, mi guarda negli occhi e mi dice: “La mia paura è che la situazione si ripeta, ma con il petrolio sopra l’acqua.”

Sembra che la BP abbia fermato la fuoriuscita del petrolio

Marea nera nel Golfo del Messico“È la prima volta che la fuoriuscita di greggio si è fermata, da quando è esplosa la piattaforma Deepwater Horizon il 20 aprile scorso.

Il pozzo è stato sigillato con un “tappo” parte di un test per valutarne l’integrità, che potrebbe durare 48 ore.

L'esplosione della piattaforma Deepwater Horizon risale davvero al 20 aprile 2010?

Oil spillLa falla petrolifera da cui si spilla la marea nera nel Golfo del Messico risale davvero al 20 aprile 2010? È veramente da allora, dal giorno in cui una grande esplosione ha danneggiato la piattaforma semisommergibile Deepwater Horizon, che tutto è cominciato? Di certo, l’enormità del disastro ecologico si traduce - ogni giorno da quel giorno - in tanti nuovi dollari da far sborsare alla BP (British Petroleum). Chi possiede quelle azioni perciò le vende, perché nel firmamento del rating oggi hanno meno stelle di ieri, e domani ne avranno ancora meno di oggi.

Golfo del Messico: strani intrallazzi del Vaticano, BP e Goldman Sachs

Deepwater HorizonIl quasi totale blackout dell’informazione indipendente, e l’arresto di chiunque venisse sorpreso a fotografare o filmare la devastazione, mostra come la crisi petrolifera della Halliburton- British Petroleum (BP) sia criminalmente controllata, implicando alcuni tra i nomi più importanti di Wall Street.

 

È vietato l'impiego a scopo medico delle informazioni di carattere terapeutico e/o nutrizionale pubblicate senza il preventivo consiglio e/o supporto di un medico (anche naturopata e/o nutrizionista) legalmente autorizzato. Se previsto nella nazione in cui risiedi, esso costituisce reato, del quale l'utente − avendo agito in contrasto con le condizioni di utilizzo del quotidiano ECplanet − risponde a titolo esclusivo.

Per evitare inutili perdite di tempo, tutte le richieste di informazioni devono essere spedite non alla redazione di ECplanet bensì alle rispettive fonti citata in fondo ad ogni articolo.

| Torna su | Home | Archivio | Economia | In primo piano | Meteo | Contattaci | Posta |