Ti trovi quiLa Nigeria punisce gli omosessuali con il carcere

La Nigeria punisce gli omosessuali con il carcere


By Edoardo Capuano - Posted on 29 novembre 2011

Matrimonio gayIl Senato della Nigeria ha approvato una legge che punisce le unioni gay definite “contrarie a qualsiasi morale religiosa”. Se passerà anche alla Camera dei Rappresentanti e verrà ratificata dal presidente, Goodluck Jonathan, i trasgressori rischiano 14 anni di carcere.

Nonostante la crescente presenza di gruppi per i diritti dei gay ad Abuja e Lagos, le unioni omosessuali sono rimaste un fenomeno raro nel grande paese africano dove, in teoria, possono essere punite con la lapidazione in 12 stati a maggioranza musulmana.

LA SITUAZIONE ATTUALE - La Nigeria è la nazione più popolosa dell’Africa, ma è anche una delle poche che non ha ceduto alle pressioni occidentali ad abbandonare la legislazione che punisce le relazioni omosessuali. Il disegno di legge, che rende il matrimonio omosessuale punibile con una pena di 14 anni di carcere, deve ancora essere ratificato dalla Camera del Paese, prima di essere firmato dal presidente, Goodluck Jonathan, mirando inoltre a rafforzare la normativa esistente, che già rende il sesso gay fuorilegge. Chiunque celebri o assista a simili unioni, è punibile. Durante il dibattito nella capitale, Abuja, un senatore ha descritto l’omosessualità come una “malattia mentale” tra gli applausi di approvazione. Un altro senatore ha detto che “tali elementi della società dovrebbero essere uccisi”, suscitando un aspro dibattito tra gli utenti di Twitter nigeriani. Molti nigeriani vedono il disegno di legge come uno stratagemma per ottenere consensi facili in una società profondamente religiosa, che è in gran parte intollerante in tema di omosessualità.

L’ATTEGGIAMENTO NAZIONALE - Solo l’1.4% dei nigeriani si considera “tollerante” nei confronti delle minoranze sessuali, secondo un sondaggio condotto nel 2008 dalla Information for Sexual and Reproductive Rights. Pochi osano difendere i diritti dei gay nel nord a maggioranza musulmana, dove gli atti omosessuali possono poi sfociare in condanne a morte per lapidazione. Unoma Azuah, scrittrice ed attivista per i diritti dei gay, ha commentato: “Non ho mai sentito parlare di una sola coppia dello stesso sesso nigeriana che chiedesse di potersi sposare, quindi sono veramente perplessa sul motivo per il quale i nostri legislatori sentono che questo dibattito è più importante che il terrorismo, la corruzione, la mancanza di infrastrutture e istruzione. Il tutto mi ricorda il proverbio Igbo tradizionale che dice: ‘Colui la cui casa è in fiamme non va in giro a caccia di topi’”. Un senatore nigeriano che ha parlato al Guardian, a condizione di rimanere anonimo, ha respinto le critiche sostenendo che è necessario discutere “questioni grandi e piccole che contano per il Paese”.

SOSPETTI SULL’AZIONE OCCIDENTALE - Molti dei sospetti che nascono intorno all’attivismo pro-diritti gay sono dettati dalla paura che dietro vi si nascondano pressioni e intrusioni occidentali. Le minacce da parte dei governi occidentali di tagliare gli aiuti in mezzo al crescente sentimento anti-gay del continente ha costretto altri paesi africani ad abbandonare proposte di legge anti-gay. Tutto ciò ha invece avuto l’effetto opposto in Nigeria, che può contare sul proprio “oro nero” per tenere in scacco qualsiasi attivismo occidentale. Gli attivisti nigeriani hanno nel contempo cercato di non attirare l’attenzione delle controparti internazionali, che spesso si rivelano più d’ostacolo che d’aiuto.

ESTORSIONI E RIPERCUSSIONI - La nuova legge avrà ripercussioni ben al di là di quelle sulla sola comunità gay, ha detto Damiano Ugwu, un attivista: i migranti che hanno condividono un alloggio per motivi economici sarebbero particolarmente vulnerabili. “Da quello che so della polizia nigeriana, cercano ogni occasione per estorcere denaro Con questo disegno di legge, non andranno in cerca di coppie gay negli hotel Sheraton. Andranno semplicemente in giro a rastrellare le persone che sono povere o non conoscono i loro diritti”.

Fonte: giornalettismo.com

Fate pena non c'è che dire come se i gay ,poverini avessero qualcosa che non va...Bah

L'importnate è l'amore no? E l' amore non ha sesso (quello vero..che proviene dall'anima)

Sempre più sconvolta...anzi non mi stupisco più di nulla in questo mondo.

Vergognatevi!!

 

È vietato l'impiego a scopo medico delle informazioni di carattere terapeutico e/o nutrizionale pubblicate senza il preventivo consiglio e/o supporto di un medico (anche naturopata e/o nutrizionista) legalmente autorizzato. Se previsto nella nazione in cui risiedi, esso costituisce reato, del quale l'utente − avendo agito in contrasto con le condizioni di utilizzo del quotidiano ECplanet − risponde a titolo esclusivo.

Per evitare inutili perdite di tempo, tutte le richieste di informazioni devono essere spedite non alla redazione di ECplanet bensì alle rispettive fonti citata in fondo ad ogni articolo.

| Torna su | Home | Archivio | Economia | In primo piano | Meteo | Contattaci | Posta |