Ti trovi quiEl Niño si sposta e acquista sempre più forza

El Niño si sposta e acquista sempre più forza


By Edoardo Capuano - Posted on 30 agosto 2010

El NiñoAnche El Niño, uno dei più imponente fenomeni della natura che interessa il nostro pianeta, sta cambiando aspetto, forse a causa dei mutamenti climatici in atto. Lo ha scoperto la Nasa che tiene sotto controllo le sue apparizioni con i satelliti ambientali, l'ultima delle quali è terminata all'inizio del 2010.

El Niño, ricordiamolo, conosciuto anche con la sigla ENSO, da El Niño-Southern Oscillation, è un fenomeno climatico periodico che si verifica nell'Oceano Pacifico con una media di cinque anni. Generalmente esso si manifestava con un riscaldamento delle correnti dell'Oceano Pacifico centro-orientale e, contemporaneamente, con cambiamenti di pressione atmosferica nel Pacifico centro-occidentale. Il fenomeno è spesso causa di inondazioni soprattutto lungo le aree occidentali dell'America meridionale a causa delle abbondanti piogge che il fenomeno porta con sé, e siccità in Australia e aree vicine.

L'elemento principale che rende diverso El Niño di questi ultimi anni rispetto a quello di decenni or sono è il fatto che le sue acque più calde si sono spostate nel cuore dell'Oceano Pacifico, anziché ad oriente. Ciò potrebbe avere importanti implicazioni nelle ricadute climatiche di lungo periodo non solo sulle aree che circondano il più grande oceano della Terra, ma sull'intero pianeta.

Spiega Tong Lee, del Jet Propulsion Laboratory della Nasa: "Dal 1982 teniamo sotto controllo la temperatura dell'intero oceano e abbiamo scoperto che durante le ultime manifestazioni l'intensità di El Niño è raddoppiata nel Pacifico centrale e ciò è stato particolarmente significativo durante l'ultimo evento, quello del 2009-2010". Ciò dovrebbe spiegare perché in questi ultimi anni lungo la fascia tropicale dell'Oceano Pacifico si è verificato un aumento della temperatura delle acque superficiali che è particolarmente evidente subito dopo il passaggio di un evento di El Niño. “Questo ci fa dire che l'aumento delle temperature dell'oceano siano più da attribuire all'intensificarsi del fenomeno piuttosto che al riscaldamento globale in atto. In ogni caso ciò che rende El Niño diverso dal passato potrebbe essere proprio il riscaldamento della temperatura del pianeta”, continua Lee.

In altre parole: l'oceano si riscalda per un El Niño diverso e non per il riscaldamento globale, ma ciò che rende El Niño più vigoroso nel cuore dell'oceano è l'aumento della temperatura terrestre.

Ma perché tutto questo è importante? “Perché - spiega il ricercatore - è diverso proiettare nel futuro le condizioni atmosferiche, ossia il clima di una regione, se si ha un aumento della temperatura nell'oceano centrale piuttosto che orientale. E la diversità non è di poco conto”.

Se questo andamento continuerà nel prossimo futuro, secondo i ricercatori, si dovranno cambiare le proiezioni climatiche dei prossimi anni, in quanto esse vennero realizzate negli Anni Novanta tenendo conto che El Niño sarebbe rimasto quello che era durante i decenni precedenti.

Autore: Luigi BignamiI / Fonte: repubblica.it

Perché fate disinformazione? L'effetto serra è una montatura. L'anno scorso la temperatura planetaria è scesa di 0.7°C ovunque. Le scie chimiche servono appunto per simulare ed amplificare l'ipotetico effetto serra, altrimenti non riscontrabile in natura.

Vi ricordo che non esiste solo el niño, ma anche la niña, il fenomeno opposto, di cui però nessuno parla perchè porta ad un raffreddamento delle temperature globali. Ebbene sì, la niña, come i più esperti potranno vedere dal grafico dell'articolo, si sta rafforzando e raggiungerà il suo picco verso Natale 2010. Ovviamente nessuno dice che, secondo le previsioni del noaa essa potrebbe risultare la più forte dal 1975 con anomalie, in zona 3.4 di circa -3°C e potrebbe far scendere sotto la media trentennale le temperature globali cancellando il presunto "Global Warming"!!!

 

È vietato l'impiego a scopo medico delle informazioni di carattere terapeutico e/o nutrizionale pubblicate senza il preventivo consiglio e/o supporto di un medico (anche naturopata e/o nutrizionista) legalmente autorizzato. Se previsto nella nazione in cui risiedi, esso costituisce reato, del quale l'utente − avendo agito in contrasto con le condizioni di utilizzo del quotidiano ECplanet − risponde a titolo esclusivo.

Per evitare inutili perdite di tempo, tutte le richieste di informazioni devono essere spedite non alla redazione di ECplanet bensì alle rispettive fonti citata in fondo ad ogni articolo.

| Torna su | Home | Archivio | Economia | In primo piano | Meteo | Contattaci | Posta |